GEOTECNICA

Viadotto a mare Anzio-Nettuno Stella

Anzio-Nettuno (RM)

Dettagli

Viadotto a Mare Anzio-Nettuno

Anzio-Nettuno (RM)

Info del Progetto

Il Fondale su cui si dovrebbe operare con la struttura del viadotto su piloni in c.a. e barriera frangiflutto su elementi Geotubo, ha una profondità media di 3 mt. circa, mentre il sistema reef andrà posizionato a circa 200mt dalla riva ad un fondale di circa 4 mt.
L’opera così ideata viene ad avere tre funzioni che concorrono alla risoluzione di tre questioni molto importanti per l’intero versante intercomunale e precisamente:

  • Collegamento del litorale dei due paesi Anzio e Nettuno attraverso un viadotto pedonale-ciclabile a doppio senso di forte attrazione turistica di 4 mt. di larghezza, con 3 atolli attrezzati a verde per la sosta e il relax degli avventori, del diametro di circa 30 mt.
  • Protezione della costa attualmente a rischio idrogeologico attraverso i due sistemi di mitigazione quali i reef a distanza per lo smorzamento delle onde e la barriera per la protezione del versante.
  • 3. Formazione di due nuovi Tomboli con la creazione di ulteriori arenili balneabili, attraverso la realizzazione di varchi nella barriera frangiflutto.

Cliente: Regione Lazio

Anno: Gennaio, 2019

Tipo di progetto: Viadotto a mare

Architetto: Daniele Impallara

Progetto e Direzioni Lavori

Progettazione Viadotto a Mare

Focus del progetto viadotto pedonale-ciclabile

Arch. Daniele Impallara